Visualizzazioni totali

domenica 18 dicembre 2011

TRACCE DI FEDE


Tracce di fede
LUIGI DE GIOVANNI 
Inaugurazione: Martedì 06 Dicembre ore 19.00 
Studio “Sutta Le Capanne Du Ripa”, Via Umberto I - Specchia - Lecce 
Introduzione: professoressa Bianca Paris 
Presentazione: Antonietta Fulvio direttore responsabile Arte e Luoghi Allestimento: Architetto Stefania Branca 
Organizza: Il Raggio Verde eventi d’arte (Lecce) - cell. 339 4038939 
Dal 06 dicembre al 30 dicembre 2011 
Orario di apertura: dalle ore 10,00 alle 13,00 - dalle ore 17,00 alle 20,00 
Info: cell. 3292370646 –  e.mail: lmfedeg@libero.it  
Ragionando sulla natività...tracce di storia e di religione
Anno Domini... fuga nella Metafisica 
di Antonietta Fulvio
Anno zero. Anno Domini. Comunque lo si voglia chiamare, l’inizio della cro- nologia coincidente con la nascita di Gesù Cristo segna un passaggio epocale. Spartiacque tra vecchio e nuovo, fu l’inizio del crollo della Roma imperiale che non riuscì gestire il cambiamento sociale derivante dalla diffusione del Cristianesimo. Sulla scia di queste riflessioni sulla Storia, e su alcune tra le pagine più importanti del Nuovo Testamento, nel suo atelier a Specchia, Luigi De Giovanni si sofferma a parlare mentre lentamente la tela bianca sul suo cavalletto si riempe di segni... simboli, caratteri...colori.
“L’uomo per natura è egoista e, nonostante siano passati tre mil- lenni, senza contare i precedenti, pensa solo al proprio benessere, fa niente se per raggiungerlo deve schiacciare gli altri. Non è un caso che il pesce, simbolo di Cristo nell’iconografia cristiana,
Appena un mese fa ha concluso una personale inaugurata per la Giornata del Contemporaneo dal titolo Tracce. Era partito da un’indagine sull’evoluzione di oggetti radicalmente modificati dal progresso tecnologico e usati, attra- verso anche il recupero della memoria contadina, come pretesto per riflettere sulla società. Il passato e il presente. Ma al centro sempre e solo l’uomo, comunque artefice del proprio destino ma anche strettamente legato agli altri, perché l’uomo animale sociale non può vivere da solo. Ed è in relazione
sia raffigurato in una forma ben lontana dalla stilizzazione clas- sica perché nella sua grossezza ho voluto rappresentare la falsa ambizione di essere detentori della conoscenza. Da questo punto di vista siamo ancora nelle caverne, il nostro sguardo è dentro la grotta, non fuori. Le paure ancestrali che ci portiamo dentro sono sempre in agguato, la paura del buio come della solitudine, della sofferenza, della morte opprimono il nostro esistere e rendono sempre più problematiche le nostre 24 ore”.
agli altri che l’uomo scopre le proprie capacità come i propri limiti e nel suo personale cammino lascia sempre qualche traccia dietro di sé. Tracce che vengono da un mondo interiore dove trova spazio il proprio credo spirituale e umano. Questo l’assunto di partenza di un nuovo ciclo di lavori, dedicati al tema della Natività.
Il blu, colore spirituale per eccellenza, predomina nelle tele dove elementi simbolici come le scale rappresentano una società che continua a vivere in precario equilibrio tra croci che non sono grondanti di sangue, ma bianche o azzurre rappresentano l’uomo con gli insoluti interrogativi di sempre, quelli che fecero nascere nell’antica Grecia la filosofia.... interrogativi come croci sparse nello spazio pittorico che diventa metafora del mondo, del tempo che viviamo. Il segno sempre più incisivo e materico definisce volumi che si sovrappongono sul piano in un rincorrersi di linee curve e spezzate quasi ad evocare il percorso difficile e tortuoso che è la vita per ogni singolo individuo e, per esteso, della comu- nità intera. I colori intensi, quasi violenti, diventano espressione dei sentimenti, delle passioni, delle sensazioni che affollano la mente e il cuore dell’uomo di tutti i tempi.
“Non si può non ricordare il Natale tralasciando il martirio, la morte, il motivo per cui Dio inviò suo Figlio sulla terra. La sua nascita è legata alla rinascita, alla vittoria sulla morte grazie alla Resurrezione, icona di libertà dal peccato. La figura di Pilato è emblematica come la frase che pronunciò pre- sentando il Cristo flagellato - Ecce homo disse - pensando che aver ridotto il Nazareno ad una maschera grondante di sangue fosse bastato ai farisei. Pilato avrebbe avuto il potere di cambiare il corso degli eventi ma non lo fece. Non riuscì a gestire il potere e, purtroppo anche se con formule diverse, la storia si ripete continuamente. Il Natale mi porta ad una riflessione sul ruolo del cristianesimo, sulla crocifissione che è inscindibile dalla Natività e sul senso dell’esistenza in generale.”
La natività è da sempre un tema molto frequentato nell’arte che vanta capo- lavori assoluti: dalla rappresentazione affrescata da Giotto nella Cappella Scrovegni di Padova, alla tela di Lorenzo Lotto, ad esempio, che dipinse la devozione della Sacra famiglia inserendo in un angolo buio della grotta pro- prio il crocifisso. Alla Natività, purtroppo persa, del Caravaggio che dipinse una Vergine, donna e madre ancora prostrata dalla fatica del parto mentre guarda il suo Divino Bambino: in quella posa che non ha nulla di santo è rac- chiusa tutta la santità dell’evento ma anche l’inevitabile senso del dolore, di quel presagio di morte che è scritto anche nel destino del figlio di Dio. Sovrapposta alla precedente festività pagana del Sol Invictus, o a quella Ebraica detta Hanukkah, entrambe celebrate il 25 dicembre, la nascita di Gesù Bambino è la festa che celebra il miracolo della vita, l’unico che vede protagonisti anche noi poveri mortali; ma Cristo nasce per un miracolo ancora più grande, la Resurrezione che implica il sacrificio, il dolore, la morte.
“La vita è un insieme di emozioni e sensazioni contrastanti. É amore e disperazione, gioia e dolore, ma anche lotta e tensione verso la felicità. E’ quel che io chiamo il problema delle 24 ore.” E dal destino di do- lore che Cristo trae la sua forza, ecco perché l’artista non sceglie di rappresentare il momento della nascita ma il simbolo del sacrificio, passaggio obbligato e scritto dall’Onnipotente perchè quella frattura tra Dio e l’Uomo potesse essere colmata. Come per la personale Tracce, l’artista sceglie di realizzare accanto ad alcune tele una composizione risul- tante dall’ assemblaggio di dodici moduli - 12 i mesi dell’anno, 12 gli apostoli - un enorme quadrato dove la tradizionale rappresentazione della Natività lascia il posto ad una composizione nuova, provocatoria. Al centro della tela una grande croce, rossa. E poi la frase Ecce Homo, le sigle SPQR, INRI che campeg- giano in lungo e largo sulla tela, sovrapponendosi in alcuni punti, richiamando inevitabilmente l’attenzione sui loro significati reconditi. Il colore rosso sembra zampillare come stille di sangue, l’idea del sacrificio è intrinseca nella forma stessa della croce, affiancata da due scale: la scala di Nicodemo diventa per l’artista simbolo dello status sociale: “l’evento religioso della Crocifissione si insinua nella Storia, ne diventa parte integrante la persecuzione del Cristianesimo per la Roma imperiale fu un grande errore politico, l’inizio della fine... i Romani avevano già sconfitto altri popoli in precedenza inglobando la loro cultura; si pensi ad esempio a Cartagine, ma con Israele le cose andarono diversamente”. D’altra parte un sistema schiavista quale era l’impero avrebbe mai potuto accettare la religione che riteneva tutti gli uomini uguali? che gli ultimi sarebbero stati i primi? che bisognava amare il prossimo come se stessi?
Lo sguardo che l’artista prima rivolgeva ai luoghi dello spazio sono sempre più introiettati al proprio sentire, all’io che cerca di farsi strada tra il groviglio di pensieri che la vita stessa scatena. Ogni tanto qualche giallo/lampo di luce suggerisce il legittimo interrogativo ma una via di fuga esiste?
“É la metafisica, il sogno. - La risposta decisa dell’artista- É nella spiritualità che l’uomo ritrova il coraggio e la determinazione per affrontare i propri démoni, di vivere la propria esistenza risco- prendo la consapevolezza che la forza della rinascita è la libertà del pensiero. Come insegna il messaggio evangelico la libertà nasce dalla sofferenza, dal dolore.”
L’allestimento curato dall’architetto Stefania Branca affianca alla modulazione pittorica un’installazione così come accaduto nelle recenti personali tenutesi nell’atelier che, da luogo di ideazione e realizzazione dell’opera, si fa anche spazio interattivo con il pubblico. In virtù di un percorso che continua, tracce di gesso renderanno bianca la pavimentazione dove tra santini e rosari, icone di fede, ognuno potrà almeno per un momento riflettere sul significato più autentico del Natale. Un natale lontano dalla festa consumistica e non solo per il clima di recessione, ma perché traccia di una spiritualità ritrovata.




















venerdì 16 dicembre 2011

SPECCHIA Tredicesimo educational per giornalisti nel Salento


Specchia 
Tredicesimo educational per giornalisti nel Salento
7 – 11 dicembre 2011
Dal giorno 07 al giorno 11 dicembre il Salento è stato oggetto di un educational per giornalisti. La finalità è stata quella di favorire la convergenza  dei flussi turistici in tutti i periodi dell’anno e non solo durante l’estate: avendo il territorio le potenzialità affinché questo possa avvenire. 
È  così che un’idea condivisa dai soci  della Living Specchia, ha portato a dei risultati molto positivi, determinati, soprattutto, dal cambiamento di mentalità nel modo di fare sistema e di operare per il bene comune che riguarda oltre che Specchia tutto il territorio del Salento. Il perché sia stato importante ospitare i giornalisti referenti dei media e far sì che tutte le risorse, ambientali, artistiche e culturali, del territorio, venissero canalizzate per l’evento è nell’impegno per far conoscere questa zona dove si leggono ancora le antiche tracce messapiche. Specchia è diventata la base operativa, da cui potersi muovere, per le varie visite, miranti a mostrare le architetture degli antichi borghi, le bellezze naturalistiche, le rappresentazioni religiose e a far assaporare i prodotti e le specialità tipiche di questa generosa terra. L’associazione Living Specchia, di cui fanno parte B&B, resort, alberghi diffusi e ristoranti, è stata il motore propulsivo che ha saputo organizzarsi e rendere unica la scoperta, di quest'angolo di Puglia, in un periodo lontano dai clamori dell’estate.  I bar, i forni si sono adoperati preparando e offrendo cesti di prodotti tipici quali dolci, puccette, friselle, prodotti della nonna, cartellate, facendo così pregustare le situazioni gastronomiche tipiche delle feste natalizie in arrivo. Il pernottamento dei giornalisti, a Specchia, ha favorito la conoscenza delle persone, determinando un’integrazione spontanea privilegiata e portando allo scambio reale di tradizioni ed esperienze.  I cittadini, di Specchia, hanno dimostrato grande entusiasmo, senso d'appartenenza  e di cura delle tradizioni culturali. Tutto è stato presentato con spontaneità ed eleganza, anche mostrando i prodotti artigianali e gastronomici al Palazzo Protonobilissimo “Risolo”, messo cortesemente a disposizione dall’Amministrazione Comunale, con banchetti espositivi riguardanti la Carta pesta di A. Rita Remigi, l’Azienda Agricola Sandemetrio, le creazioni del Cordaio - Adolfo Cazzato, l’esposizione d'opere di vari artisti locali, la degustazione del vino di  Antonio Branca e i prodotti delle pasticcerie e dei panificatori di Specchia. Dalla terrazza del castello, grazie alla tramontana di quei giorni, i  giornalisti hanno potuto ammirare le prospettive e i panorami mozzafiato che si perdevano nei profili delle montagne albanesi. La visita della parte più antica del paese, riconosciuto come uno dei Borghi più belli d’Italia, ha suscitato emozioni, legate al sociale e alle ingiustizie ataviche che la gente povera ha subito, e parallelismi fra la grandezza del castello abitato, sino a qualche decennio fa, da pochissimi privilegiati mentre nel borgo in una casa fatta da un solo vano vi vivevano anche dieci persone, più galline e gatti. La visita è proseguita nell’antica chiesetta di S. Fumìa restaurata e resa al culto in tempi recenti, per continuare nel Convento dei Francescani Neri e nell’annessa Cappella di S. Caterina concludendo con la  Piazza del Popolo. Di grande interesse, per scoprire la laboriosità della gente di Specchia, è stata la visita al recuperato frantoio ipogeo di Via Garibaldi, dove il clima che vi si respira e le architetture raccontano storie di sofferenza, sfruttamento e di lavoro senza riposo. Molto divertente ed istruttivo è stato il “corso di pasta salentina”,  che si è svolto nel Borgo Cardigliano, dove, i giornalisti,  “armati” degli strumenti tradizionali,  si sono cimentati a far la pasta: orecchiette, minchiareddi e sagne torte. In seguito i giornalisti hanno potuto vedere le opere degli artisti Giuseppe Affrune e Luigi De Giovanni. Questa visita è stata anche l’occasione per poter ammirare in anteprima un buon numero delle oltre trenta scene del Presepe vivente, in allestimento in previsione del Natale, organizzato all’uopo dall’Associazione Culturale Sportiva “Eugenia Ravasco” ONLUS, per  concludere con la Natività, gioiello di allestimento legato esclusivamente alla spiritualità e ai vangeli, curata dall’architetto Stefania Branca. I giornalisti si sono improvvisati figuranti indossando con gioia dei costumi. I fotografi hanno avuto un gran daffare spesso illuminando l’imbrunire con i loro flash. Il pernottamento e lo scambio delle visite agli associati della Living, B&B, Resort,  alberghi diffusi, ristoratori hanno dimostrato l’alta qualità della ricettività e dei servizi offerti da queste strutture: B&B “Serena”, B&B “De Donno”, I.T. Casa Vacanze srl di "Tuosalento.com", Ristorante “Corte degli Aranci”, GREEN TIME sas, B&B “Pittoresco”, “Cooperativa Mediterrae”, “Vifratour”, B&B “Piazzetta San Giovanni”, “Borgo Cardigliano”, Trattoria “Da Coppuledda”, B&B “Borgosolare”, Ristorante “Al Convento - Pinch Pinch”, B&B “Casa Karina” e “Pajare Grassano”.
Il Salento è un territorio che merita d’essere scoperto e vissuto come risorsa, da rispettare ed amare e non da considerare come luogo da depredare, portando via le meravigliose architetture degli ulivi secolari, spesso sradicati e trasferiti clandestinamente nelle ville  dei ricchi: ulivi scolpiti non solo dalle intemperie ma anche dal sapiente lavoro dei contadini. Tutto il Salento  ringrazia sia i giornalisti ospiti, che saranno sicuri promotori del territorio, che  l’associazione Living Specchia, per quest'esperienza di grande valenza  sociale, ambientale e di valorizzazione del territorio. Federica Murgia
Le foto sono state messe a disposizione dalla Living Specchia.



























martedì 6 settembre 2011

Arteluigi De Giovanni Bis

Arteluigi De Giovanni Bis

sabato 27 agosto 2011

Mostra di Luigi De Giovanni - Finissage di: Objects – oggetti - Opere per raccontare il tempo



Mostra di Luigi De Giovanni - Finissage di:  Objects – oggetti - Opere per raccontare il tempo

-----------------------------------------------------------------------------------------------------

La S.V. è invitata al 
Finissage di:  Objects – oggetti - Opere per raccontare il tempo
Incontro con l’artista Luigi De Giovanni
03 settembre 2011 - dalle ore 19 alle 22,00
Spazio espositivo “Studio Sutta Le Capanne Du Ripa” - Specchia LECCE
Cordiali saluti
Federica Murgia
LUIGI DE GIOVANNI

Objects – oggetti
Opere per raccontare il tempo
6 agosto / 3 settembre 2011
Inaugurazione: sabato 6 agosto - ore 19.00
Studio “Sutta Le Capanne Du Ripa”
Specchia LECCE
Cell.3292370646
La personale di Luigi De Giovanni è organizzata da
Il Raggio Verde edizioni ed eventi d’arte
info: 339.4038939    
Objects – oggetti
Opere per raccontare il tempo
Oggetti che segnano il tempo nelle tracce del loro uso, nella storia della tecnologia e dell’arte. Primordiali e dell’ultima generazione si confrontano, nelle opere recenti di Luigi De Giovanni, in un dialogo di continuità e di pari dignità. Pinze, tenaglie e forbici, leve del progresso, si riflettono nell’iPad e nei televisori al plasma colorandosi di funzionalità mai superate. L’umiltà e la semplicità dell’utilizzo dei primi diventa continuità nello sviluppo dei secondi: segnando l’evoluzione.
E’ partendo da questo che l’artista fa un’analisi del suo uso degli strumenti classici della pittura per narrare di oggetti che descrivono del mondo di oggi e di quello di ieri. Afferma che l’arte è una ed è legata sia alla competenza tecnica sia alla ideazione creativa, anche nelle rappresentazioni digitali, performative, nonché nelle installazioni. Ecco perché lui non disdegna le moderne espressioni, anzi le riconosce come proprie, soprattutto, in momenti che richiedono, per i suoi discorsi, la partecipazione di molte persone per arrivare, quando è per lui necessario, a performance e installazioni, che diventano racconti o denunce.
Nel mondo dell’artista la pittura è basilare; è nei paesaggi, nelle figure, nelle nature morte o meglio “vive” di fiori recisi o nell’informale con uso di jeans (presenti anche in questa mostra come supporto delle sue descrizioni), che ha significato il suo narrare interiore del tempo che passa. Le opere “Dalle leve all’iPad” rappresentano il discorso dell’oggi, dove l’uomo, in una follia totale, tende a negare il passato come superato e inutile per affermare un presente senza radici ma di apparenze.
                                                                            Francesca Pabawww.degiovanniluigi.com