Visualizzazioni totali

Visualizzazione post con etichetta Artista. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Artista. Mostra tutti i post

mercoledì 13 dicembre 2017

LA LUCE INTERNA mostra personale di Barbaras BilderKunst

LA LUCE INTERNA

P.zza Mentana 2/3r - 50122(Fi) - Tel.
+39.055.211985
www.galleriamentana.it -
galleriamentana@galleriamentana.it

Spazio A
presenta

La Luce Interna

mostra personale di

Barbaras BilderKunst

a cura di Art
Director: Giovanna Laura Adreani

OPENING
Sabato 16 Dicembre  2017 ore 17.00

Barbara Walder è un’artista che, nella ricerca di
nuovi linguaggi, coniuga tecnica, ritmo e libertà espressiva. Nelle sue opere
fa emergere la passione per il colore che le fa vivere la sperimentazione,
usando materiali vari, come elemento fondamentale. Questo la porta alla
creazione di dipinti che hanno significato sia nel mescolarsi della materia sia
nei segni di ricomposizione nel supporto dove si delineano i suoi pensieri.
Nelle sue pitture le forme si dissolvano in ampie pennellate e nel susseguirsi
delle cromie che lasciano trasparire gli strappi aggiustati con amore, come se
i segni delle ricongiunzioni fossero un atto religioso che le fa ritrovare la
serenità esaltata dall’armonia dei dipinti. L’essenzialità dei tocchi, alcune
volte taglienti, porta Barbara Walder ad astrazioni: ricordi di paesaggi
diventati tracce che spesso si amalgamano in contrasti bruschi di momenti
emozionali.
Colori mescolati che s’integrano nei collage, anche
con il giornale, diventano frammenti materici che vogliono simboleggiare la
ricerca del dialogo con la natura per tornare all’Io e alla poesia del vivere
nell’equilibrio. L’artista, in incursioni segniche che riportano all’informale,
pare voglia raccontare aspetti del nostro tempo analizzandone pacatamente le
tensioni che rendono in brandelli la società scossa da turbamenti che,
nonostante il materialismo di oggi, feriscono e angosciano. Sfaccettature
poetiche rappresentate da toni
prendono significato nelle fughe dallo spazio
delimitato e dalla durata del tempo. Vibrazioni dei colori nella luce che
conversando fra loro raccontano storie di consonanze: è come se l’artista
cercasse di risistemare i contrasti per perdersi nel dialogo con lo spirito dei
luoghi e delle cose che riecheggia nell’uso del colore.
               Federica Murgia

Barbara Walder is an artist
who combines technique, rhythm and freedom of expression in developing new ways
of expression in painting. In her works, she expresses her passion for colors
that makes her experiment, using various materials as a basic element. This
leads her to create paintings that are meaningful in both the mingling of
matter and in the expression of reassembly on the substrate, and that reveal
her spiritual permeation. In her
paintings, the forms
dissolve in large brushstrokes and in the sequence of tones; let lovingly
shining the underneath through fissures, as if the signs of reunification were
a religious act finding the cheerfulness raised by the harmony of the
paintings. Through the essentiality of the shape, sometimes in sharp form,
Barbara Walder brings forth abstractions: memories of landscapes become traces
that often mix in abrupt contrasts of exciting moments. Mixed colors, processed
in collages, even with newspaper clippings, become material fragments that
symbolize the search for dialogue with nature in order to return to the self
and the poetry of life of balance. The artist, with surprising resuming in the
Informel, seems to want to talk about aspects of our time by calmly analyzing
the tensions that tear up society shaken by turmoil and causing injuries and
fears despite today’s materialism.
Poetic facets expressed in
tones unfold meaning through the emergence of delineated space and of times. In
the light, vibrations of the colors emerge, speaking to each other and telling
stories of the common sound. It is as if the artist seeks to rearrange the
contrasts in order to lose herself in dialogue with the spirit of places and
things which resonates in the application of colors.


Barbara Walder ist eine
Künstlerin, die Technik, Rhythmus und Freiheit im Ausdruck entdeckend mit neuen
Ausdrucksweisen in der Malerei verbindet. In ihren Werken drückt sie ihre
Leidenschaft für Farben aus, die sie zum Experimentieren bringt, wobei sie
verschiedene Materialien als grundlegendes Element verwendet. Dies führt sie
dazu, Gemälde zu kreieren, die sowohl in der Vermischung der Materie als auch
im Ausdruck des Wiederzusammenfügens auf dem Trägermaterial bedeutungsvoll sind
und ihre geistige Durchdringung zur Erscheinung bringen. In ihren Gemälden
lösen sich die Formen in großen Pinselstrichen und in der Abfolge der Farbtöne
auf; Darunterliegendes durch Risse liebevoll durchscheinen lassend, als wären
die Zeichen der Wiedervereinigungen ein religiöser Akt, der diese aus der
Harmonie der Gemälde erhobene Heiterkeit wiederfinden lässt. Durch die
Wesentlichkeit der Linienführung, manchmal in scharfer
Form, bringt Barbara Walder
Abstraktionen hervor: Erinnerungen an Landschaften werden zu Spuren, die sich
oft in abrupten Kontrasten spannender Momente vermischen.
Mischfarben, in Collagen verarbeitet, auch mit
Zeitungsausschnitten, werden zu materialen Fragmenten, die die Suche nach dem
Dialog mit der Natur symbolisieren wollen, um zum Ich
und zur Poesie des in der
Balance Lebens zurückzukehren. Die Künstlerin, mit überraschenden Zeichen im
Informel anknüpfend, scheint über Aspekte unserer Zeit erzählen zu wollen,
indem sie gelassen die Spannungen analysiert, welche die durch Aufruhr
erschütterte Gesellschaft zerreisst und trotz des heutigen Materialismus
Verletzungen und Ängste verursacht. Poetische Facetten, ausgedrückt in
Farbtönen entfalten Bedeutung durch das Hervortreten abgegrenzten Raums und die
Zeitendauer hindurch. Im Licht hervortretende Vibrationen der Farben, die
zueinander sprechend Geschichten des Zusammenklingens erzählen. Es ist, als ob
die
Künstlerin die Kontraste
neu zu ordnen sucht, um sich im Dialog mit dem Geist von Orten und Dingen zu
verlieren, der in der Anwendung der Farben anklingt.
Traduzione in inglese e tedesco a cura di  Bruno Stephan Walder

GALLERIA
D’ARTE MENTANA
ORARI
La mostra sarà visitabile fino alle 13.00
del
9 Gennaio
2018
Aperto tutti i giorni dalle 11:00 alle 13.00 / dalle 16.00 alle 19.30
Chiuso dal 24 al 27 Dicembre 2017 e dal 31
Dicembre al 2 Gennaio 2018




























































































domenica 17 settembre 2017

De Giovanni Luigi a Cannes



GALLERIA D’ARTE MENTANTA
P.zza Mentana, 2/3                            
50122 Firenze   
galleriamentana@galleriamentana.it 
www.galleriamentana.it 
Art director:  Giovanna Laura Adreani

FIERA DI CANNES
Artistes du Monde” Cannes Gare Maritime
Un’esposizione internazionale che riunirà pittura, scultura, arti plastiche e fotografia.
Dal 23 al 26 settembre 2017 – La settima edizione dell’esposizione  “Artistes du monde” si terrà nella Gare maritime du Vieux port de Cannes

La Galleria Mentana sarà presente nello stand n°38

Artisti in esposizione:

AUDREY TRAINI
EVA BREITFUB
JANICE ALAMANOU
YOSHIMORI KATAOKA
LUIGI DE GIOVANNI
FRANCO LASTRAIOLI
GONZALO SANCHEZ
DERYA YILMAZ
BUNGO MORITA  
ROBERTA TRESOLDI
SALVATORE MAGAZZINI
JEFFREY STUART
MONSE PLA TERCEÑO
BIANCA VIVARELLI
MARTINE VANDERSPUY
LILYANA PETROVA
KARIN KOELBL
ROSARIO BELLANTE
MONIQUE BAQUES

Horaires : du 23 septembre à 10h au 26 septembre à 19h

Contact: 
Galerie Artistes du monde
Téléphone:  +33-0684979884

martedì 27 giugno 2017

1° PREMIO EX AEQUO AUDREY TRAINI - LUIGI DE GIOVANNI

1° PREMIO EX AEQUO AUDREY TRAINI - LUIGI DE GIOVANNI




Mentana in Florence: una mostra - un
premio – una mostra
Galleria Della Tartaruga, via Sistina 85/A a Roma.
Tel & Fax +39 06 6788956
La mostra, sarà inaugurata Mercoledì 5 Luglio alle ore
18:00, è la seconda fase di “Mentana in Florence” tenutasi a Firenze nella
galleria Mentana nel mese di ottobre 2016. Resterà aperta al pubblico fino al
14 Luglio.
La galleria Mentana di Firenze, nel mese di ottobre 2016,
nei due spazi composti da galleria e spazio culturale, ha organizzato una
mostra premio dedicata ad artisti emergenti e intitolata “Mentana in Florence.
La mostra, che ha avuto grandissimo successo,
ha dato al pubblico la
possibilità di apprezzare i lavori di artisti provenienti da diverse parti del
mondo,
si è
caratterizzata per l’allestimento impeccabile che ha esaltato l’alto livello
delle opere esposte. Una commissione, formata da critici e storici dell’arte,
dopo aver esaminato le opere ha assegnato i premi:
Spazio galleria
Sezione Pittura 1° Premio ex aequo  Audrey Traini - Luigi De Giovanni
Sezione Fotografia 1° Premio ex aequo Vincenzo Cara -
Ghenadie Popic
Spazio Culturale
Sezione Scultura
1°Premio Felice Spera
Sezione Pittura 1° Premio Bianca Vivarelli
Segnalazioni speciali ad Annalisa Carta, Francesca Coli,
Roberta Tresoldi.
I sopraelencati Artisti saranno in Mostra presso La Galleria
Della Tartaruga, in via Sistina 85/A a Roma.
Audrey Traini, Nata a Toronto,
Canada nel 1964. Audrey Traini ha ricevuto una intensa formazione che spazia da
Computer Graphics e Design alle Belle Arti. Nelle sue opere scopriamo
un’unicità che illumina e soddisfa soggetti tanto differenti che includono, la
tradizione fiabesca, come pure la cultura contemporanea rappresentata in
modo originale nei suoi lavori. Audrey ha praticato per molti anni Belle
Arti e Computer Graphics applicate al mondo del commercio e pubblicità poi si
avvia in un nuovo cammino con la sua grande
passione  ed amore che é la sua arte pittorica.
Luigi De
Giovanni (1950 Specchia, LE). Sin dalla più tenera età esegue disegni e
acquerelli seguito dalla madre. Si diploma all’Istituto d’Arte di Poggiardo e all’Accademia
delle Belle Arti di Roma, dove è allievo del maestro Avanessian, frequenta il
Corso Libero del Nudo. Dal 1970 dipinge tecniche miste usando materiali di scarto
e “rifiuti” (segatura, trucioli metallici, pezzi di gomma, carta e tessuti e
performance con lancio di uova), collage, soggetti ispirati alla natura nelle
vibrazioni di luce. Nel 1988 inizia il rapporto con la Galleria “Mentana” di
Firenze che lo presenta in Italia e all’estero.
Vincenzo Cara
nato e cresciuto a Cagliari, si è appassionato fin da piccolo  alla
fotografia, completando il suo percorso di studi artistici presso prestigiosa
scuola fotografica “Fine Art” di Cagliari. Il suo percorso lo ha portato ad una
continua crescita verso il perfezionamento del  suo stile personale,
sempre più importante in un ambito artistico come quello fotografico.
Ghenadie Popic  artista moldavo (1982), studia all’Accademia
di Belle Arti Firenze dove ha conseguito il Master in Arti Visive e la laurea
al corso biennale di Arti Visive e Nuovi Linguaggi Espressivi. La sua
formazione artistica è iniziata in Moldavia (Liceo di Arti Visive Igor Vieru e
Collegio di Arti Visive A. Plamadeala) ed è proseguita a Bucarest
all’Università Nazionale d’Arte, dove ha conseguito la laurea in Arti
Figurative e Decorative nel 2005. Ha lavorato come assistente tecnico alla
didattica al L.A.B.A (Libera Accademia di Belle Arti) di Firenze.
Felice Spera nasce a Marigliano (
Na) il 25.01.1971, da sempre appassionato di scultura viene ammesso nel 1993
all’Accademia delle Belle Arti di Napoli dove si diploma con il massimo dei
voti nel 1998. Ancora giovanissimo viene chiamato ad insegnare Scultura Lignea
presso la Scuola di Alta Formazione Restauro “Maria Teresa Caiazzo” in Salerno.
Diverse opere dell’Artista trovano collocazione in varie Chiese campane.
L’artista Bianca Vivarelli vive e
lavora a Firenze e le sue opere si trovano in permanenza presso la Galleria
Mentana di Firenze. Come per un segreto permesso accordatole, l’artista ha
il dono di scendere nell’anima della natura, cogliendone la bellezza ciclica ed
il suo continuo rigenerarsi. La sua sapienza cromatica poi, reifica l’emozione
e crea l’opera che gioiosa, in una danza di colore, nelle prime fioriture
primaverili o nei campi di girasoli…
Anna Lisa Carta è nata a Cagliari
nel 1963 e a Cagliari vive e lavora nel suo studio di via Università n°
14. Innamorata del disegno e della pittura sin dall’infanzia durante la
quale ha potuto prendere lezioni di disegno dalla maestra Gabriella Carta. Nel
1989 ha avuto la fortuna di frequentare lo Studio d’Arte della Maestra
fiorentina di scuola macchiaiola Anita Poldrugovaz Cencetti,
Francesca Coli. Le sue opere sono
silenziose atmosfere metafisiche, senza spazio e tempo, depurate dai tumulti
effimeri della vita accolgono le riflessioni e le emozioni della pittrice,
poetessa e stilista di moda.Dotata di grande quando riservata sensibilità
l'artista fiorentina da tempo ha intrapreso un caparbio percorso estetico dalle
originali caratteristiche e dagli inaspettati risultati simbolici più che
formalistici.
Roberta
Tresoldi
Nata a Solesino il 5 gennaio 1947. Residente ad Arquà
Petrarca, via Fontanelle 4. Diplomata ragioniera. Ha fatto studi universitari
presso le facoltà di magistero di Padova in Pedagogia e Didattica, di
professione fa l’imprenditrice ma vanta un’esperienza decennale come pittrice e
ceramista con esposizione e mostre personale presso lo studio d'arte in Arquà
Petrarca nonché Mentana di Firenze.
Lo staff della galleria Mentana ringrazia e si congratula
con gli Artisti Premiati.
Art Director, Giovanna Laura Adreani

Galleria Della Tartaruga, via Sistina 85/A a Roma.
Tel & Fax +39 06 6788956
Orario estivo Estivo
Mattina. 10:00
- 13:00
Pomeriggio. 17:00 - 20:00

Galleria d’Arte Mentana
P.zza Mentana 2/3r - 50122 (Fi) -
Tel. 055.211985
www.galleriamentana.it - galleriamentana@galleriamentana.it